Voodoo per farla prostituire, arrestato boss mafia nigeriana

(ANSA) – REGGIO CALABRIA, 25 FEB – Ha fatto arrivare in
Italia una ragazza nigeriana promettendole un posto di lavoro in
un bar. L’ha costretta a prostituirsi per ripagare il debito,
l’ha sequestrata in un appartamento a Bari, l’ha violentata,
messa incinta e poi l’ha cacciata di casa impendendole di
portare con sé i documenti e pure il figlio nato dallo stupro
che ha subito dal suo aguzzino. Favour Obazelu, detto «Fred» o
“Friday», di 43 anni, ritenuto tra i capi della mafia nigeriana,
è stato arrestato dalla Squadra mobile di Reggio Calabria con
l’accusa di riduzione in schiavitù, tratta di esseri umani,
sequestro e violenza sessuale.
L’arresto di Obazelu, che è indagato anche per associazione a
delinquere, è stato disposto dal gip Vincenza Bellini su
richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri e del sostituto
della Dda Sara Amerio.
Assieme al fratello, Eghosa Osasumwen detto «Felix» di 32 anni,
e ad altri soggetti che si trovano in Libia e in Nigeria,
Obazelu avrebbe reclutato in patria ragazze da condurre con
l’inganno in Italia. Nell’inchiesta sono indagati altri tre
nigeriani, due donne di 30 e 22 anni, e un uomo di 25.
Le vittime venivano legate mediante rito voodoo e tenute in uno
stato di completa prostrazione psicologica per poi avviarle alla
prostituzione. Una di loro lo ha denunciato e ha raccontato
agli investigatori di essere stata «sottoposta in Nigeria –
riassume il giudice – ad un rito di magia nera per vincolarla al
rispetto dell’impegno di pagare la somma di 25mila euro».
Stando alle indagini del pm Amerio, ci sarebbe stata una vera e
propria cerimonia in cui la ragazza, all’epoca ventunenne, e la
sua famiglia sono state minacciate di morte nel caso in cui
avessero infranto il giuramento. (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi