Vibo Valentia: Chiesti 30 anni di carcere per un imputato accusato dell’omicidio e di soppressione di cadavere

(ANSA) – VIBO VALENTIA, 16 OTT – Il pm della Direzione
distrettuale antimafia di Catanzaro Annamaria Frustaci ha
chiesto la condanna a 30 anni per Giuseppe Prostamo, di 34 anni,
di San Giovanni di Mileto, accusato dell’omicidio e della
soppressione del cadavere – commessi in concorso col fratello
Antonio – di Francesco Vangeli, 26 anni, di Scaliti di
Filandari. Questa mattina, davanti al gup distrettuale di
Catanzaro Gabriella Logozzo, al processo che si sta celebrando
con rito abbreviato, si è svolta la requisitoria della pubblica
accusa che in tre ore e mezza ha ripercorso le fasi della
vicenda culminata con la sparizione dl giovane nella notte tra
il 9 e il 10 ottobre del 2018. Il suo corpo non è stato mai
recuperato. Soltanto l’autovettura venne ritrovata nei pressi
dello svincolo autostradale di Mileto. Successivamente, è stata
la volta degli interventi delle parti civili, una delle quali è
andata oltre le richieste del Pm invocando per l’imputato la
pena dell’ergastolo. Il 10 dicembre sarà la volta dei legali di
Prostamo, gli avvocati Giuseppe Grande e Sergio Rotundo, ma la
sentenza verrà pronunciata in una udienza successiva ancora da
fissare. (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi