Troppa Ternana per il Rende. 3-1 e Tricarico e Guardia vengono allontanati

Troppa Ternana per un Rende sì in buona condizione ma non all’altezza dell’avversario. Una partita mai in discussione, un risultato messo al sicuro già dopo un quarto d’ora e la possibilità per la squadra di Gallo di amministrare le energie il vista del turno di recupero previsto per mercoledì. Per i biancorossi schierati con il consueto 4-3-3 che ha visto Fornito partire dal primo minuto tra i 3 di centrocampo, una gara da cancellare il prima possibile per ritrovare forze e concentrazione per continuare la lotta salvezza.
12 minuti, tanto resta in gara il Rende. Poi la Ternana, approfittando di una palla persa a centrocampo dai biancorossi, trova il vantaggio con il diagonale chirurgico di Vantaggio che supera Savelloni. 4 minuti più tardi il risultato è già acquisito. Partipilo fa quello vuole, prende palla sulla trequarti senza venir contrasto, avanza, entra in area e trova un sinistro che passa tra le gambe di Nossa e trafigge ancora Savelloni. Ternana che può controllare e giocare sul velluto, Rende che non ha le armi, tecniche nè tantomeno tattiche per prova a ribaltare il risultato, nonostante gli umbri concedano spazi e margini per tentare di accorciare le distanze. Nella ripresa una punizione dai 25 metri calciata magistralmente da Mammarella lascia immobile tra i palo Savelloni vale il 3-0 per i padroni di casa, che ricevono anche notizie in quel momento incoraggianti da Bisceglie dove la Reggina è ancora sotto 1-0. Il Rende non ne ha ma un calcio di rigore concesso per un fallo di Parodi su Giannotti permette ai biancorossi di accorciare. Vitofrancesco dal dischetto non sbaglia, sigla il gol del 3-1 che rende solo meno pesante il passivo ma non cambia l’esito di una gara che ha poco altro da dire nella mezz’ora che resta da giocare, solo il palo centrato in pieno da Torromino e nulla di più. Per la Ternana prosegue la ricorsa alla Reggina per il Rende ora testa alla sfida di mercoledì in casa del Bisceglie, uno scontro diretto, questo, da affrontare come fosse una finale ma senza la coppia Guardia-Tricarico, allontanata a fine gara.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi