Traffico di droga nel comprensorio lametino, due arresti e altri nove indagati

Nella mattinata odierna, tra Maida (CZ) e Lamezia Terme (CZ), i Carabinieri della Compagnia di Girifalco, supportati da una squadra operativa e una unità cinofila dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria di Vibo Valentia, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Catanzaro, su richiesta della locale Procura della Repubblica – D.D.A., nei confronti di un trentenne e un trentatreenne maidesi, ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti nel basso comprensorio lametino.

Nella circostanza, i Carabinieri, nell’ambito del medesimo contesto investigativo, hanno anche notificato un avviso di informazione di garanzia nei confronti di altre 9 persone, considerate a vario titolo responsabili, anche in concorso, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo marijuana, cocaina e hashish, tra i comuni di Maida, San Pietro a Maida, Lamezia Terme (CZ) e Filadelfia (VV).

I provvedimenti giudiziari derivano da una articolata attività d’indagine denominata “Ligea”, condotta tra il maggio 2017 e l’agosto 2019 dal N.O.R. – Aliquota Operativa della Compagnia di Girifalco, con la direzione delle Procure della Repubblica di Lamezia Terme e Catanzaro – Direzione Distrettuale Antimafia.

Le indagini, svolte con attività tecniche e tradizionali, hanno permesso di disvelare una rete di spaccio di stupefacenti tra la piana e i Comuni sulle colline a ridosso delle preserre, comportando nel loro corso l’arresto di 10 persone ed il sequestro di circa 10 kg di marijuana.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi