Tallini: “Al piccolo Robespierre ligure gli risponderanno i miei elettori”

“Ci penseranno i miei elettori e i miei avvocati a dare le giuste risposte al piccolo Robespierre ligure che vorrebbe avvolgere in un clima di terrore la Calabria. L’insulso agguato del senatore Morra non mi intimidisce e non intimidisce le tantissime persone che mi conoscono da oltre 35 anni e che in queste ore mi stanno facendo sentire la loro vicinanza e la loro solidarietà”. A dirlo è Domenico Tallini, candidato di Fi al Consiglio regionale della Calabria collocato dalla Commissione Antimafia nella lista degli ‘impresentabilì. ‘Morra – aggiunge Tallini – consuma una vendetta personale perché non mi ha perdonato di averlo chiamato ‘giacobino di periferià quando, in preda al delirio, aveva sostenuto che tenere un rosario in tasca equivaleva ad essere mafioso, con lo scopo di colpire l’allora ministro dell’Interno Salvini. Saranno i calabresi e le urne a dire se sarò degno di essere ancora Consigliere regionale. Sono in campo, con la grinta e la forza di sempre, nonostante l’entrata a gamba tesa di una persona non degna di sedere in Parlamento”.
Infine, Tallini conclude: ‘Non sarà certo un paracadutato, un nominato senza alcun contatto con la gente, un untore che si scaglia con odio contro innocenti, ad impedire che sia democraticamente eletto. Delle sue angherie e dell’uso personale che fa delle istituzioni ne risponderà nelle sedi più opportune, dove dimostrerò non solo la mia correttezza in oltre 35 anni di politica, ma soprattutto l’obiettivo politico perseguito dal Morra. Che, come tutti i Robespierre, vedrà ritorcersi contro sé stesso il male che ha seminato”.
(Lro/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi