Scafisti fermati nella Locride

I carabinieri hanno sottoposto a fermo due cittadini ucraini, ritenuti gli scafisti della barca a vela intercettata ieri di fronte a Capo Bruzzano, a Bianco, con 46 migranti a bordo. Mentre il natante è stato traghettato nel porto di Roccella Ionica, i carabinieri della Compagnia di Bianco hanno avviato le ricerche sulla terraferma individuando i due sulla strada statale 106, vicino il cimitero di Africo, mentre si stavano allontanando a piedi.
Poco distante, sulla spiaggia, i militari hanno trovato anche il gommone con cui gli scafisti si sono allontanati dalla nave e hanno raggiunto la costa. I due sono adesso accusati di ingresso illegale sul territorio nazionale e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sono otto gli sbarchi di migranti negli ultimi due mesi nella Locride. Con i fermi di oggi, hanno riferito i carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, è salito a sei il numero degli scafisti trovati e fermati nell’ultimo periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi