Sanità: Occhiuto, ok Piano pandemico e recupero liste attesa

(ANSA) – CATANZARO, 26 FEB – «Da commissario alla sanità
della Calabria ho firmato nelle scorse ore importanti decreti
per la Regione. Finalmente anche il nostro territorio avrà delle
linee guida chiare da attuare in caso di pandemia influenzale.
Con questo Piano il servizio sanitario regionale sarà pronto ad
affrontare l’emergenza che potrà scaturire in futuro, anche a
seguito, ad esempio, di una nuova ondata da Covid, che come
stiamo vedendo in queste settimane sta sempre più acquisendo il
carattere di una influenza». Lo afferma in una nota Roberto
Occhiuto, presidente della Regione Calabria.
“Il Piano regionale non esisteva, e i commissari che si sono
succeduti nell’ultimo decennio – prosegue Occhiuto – non avevano
fatto nulla per predisporre un protocollo unitario di intervento
che le Asp e le Ao potessero seguire in caso di necessità. Oggi,
invece, abbiamo un Piano immediatamente operativo e, allo stesso
tempo, dinamico: pronto cioè ad essere modificato in base alle
esigenze.
Altra importante novità riguarda le liste d’attesa. In questi
due anni di pandemia sono state purtroppo trascurate alcune
attività chiave del sistema sanitario regionale, e adesso serve
correre per recuperare il terreno perduto. Per questa ragione
abbiamo approvato un Piano operativo per il recupero delle liste
d’attesa, concentrandoci, come da indicazioni ministeriali,
prioritariamente sugli interventi chirurgici programmati (quelli
urgenti sono andati avanti anche in questi ultimi 24 mesi) e
sugli screening oncologici».
“Vogliamo consentire le prestazioni sanitarie non erogate in
questi anni – sostiene il presidente – e imporremo alle nostre
strutture una decisa accelerazione, possibile anche grazie a
risorse nazionali e regionali che verranno dirottate per
raggiungere questi obiettivi. Da Roma arriveranno 15.718.900
euro. I finanziamenti più significativi riguarderanno l’Asp di
Cosenza (4.561.458 euro), l’Asp di Reggio Calabria (3.238.931
euro), l’Asp di Catanzaro (2.476.988 euro), l’Asp di Crotone
(1.382.257 euro), e l’Asp di Vibo Valentia (986.844 euro).
Risorse andranno anche alle Aziende ospedaliere e all’Inrca. La
Regione, invece, destinerà per questo capitolo una fetta
importante dei 21 milioni di euro disponibili per il Piano. Dopo
l’emergenza occorre adesso lavorare per la prevenzione». (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi