Rinuncia Gaudio commissario sanità, Spirlì: “Questa ennesima vergogna si sarebbe potuta evitare”

ROMA (ITALPRESS) – “La notizia l’ho appresa in tv e la cosa mi scoccia abbastanza. Questa ennesima vergogna si sarebbe potuta evitare se il governo avesse accettato quello che proponiamo da settimane, un tavolo governo-regione, 6-12 mesi di commissario e poi restituzione della sanità alla Regione Calabria”. E’ il commento di Nino Spirlì, presidente facente funzioni della Regione Calabria, a Rainews24 “Ci hanno trattato come se fossimo i minus habiens o ‘ndranghetisti, ma in questi 11 anni di commissariamento la sanità è peggiorata. E non ha un piano di contrasto al Covid. Chi doveva controllare non era la Regione ma il ministero della Salute e il ministero dell’Economia: i controllori cosa hanno controllato in tutti questi anni?.
Riguardo al nome di Gino Strada il governatore dice: “La responsabilità deve essere definitiva, basta con i balletti dei nomi. Io continuo a dire che non c’è la necessità di essere colonizzati. Questo signore sta facendo grandi cose nei paesi del terzo-quarto mondo ma la Calabria è una regione dell’Italia e merita la dignità di tutte le altre regioni. Abbiamo tanti professionisti calabresi che possono affiancarsi alla giunta regionale per la nostra sanità”. (ITALPRESS).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi