Resta ai domiciliari l’assessore regionale (sospeso) Francesco Talarico, cade l’aggravante mafiosa

(ANSA) – CATANZARO, 25 FEB – Resta ai domiciliari l’assessore
al Bilancio della Regione Calabria (attualmente autosospeso) e
segretario regionale dell’Udc Francesco Talarico, indagato dalla
Dda di Catanzaro nell’ambito dell’inchiesta «Basso Profilo» con
l’accusa di associazione per delinquere e scambio elettorale
politico mafioso, aggravati dal metodo mafioso. Lo hanno deciso
i giudici del Tribunale del Riesame che hanno annullato le
aggravanti mafiose e hanno riqualificato il reato di scambio
elettorale politico-mafioso in corruzione elettorale così come
contemplata dal testo unico per l’elezione alla Camera dei
deputati. Talarico è difeso dall’avvocato Francesco Gambardella.
(ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi