Principio incendio traghetto: camionista, “usciva tanto fumo”

«Siamo partiti da Tremestieri, a Messina, alle 15, diretti a Villa San Giovanni, ma a metà percorso abbiamo notato del fumo denso e grigio salire dai lati della nave. Molto probabilmente proveniente dalla sala motori». A raccontarlo è Giuseppe Catellino, di Amantea (Cosenza), uno dei camionisti che si trovava a bordo del traghetto su cui si è sviluppato un principio d’incendio. «Ci siamo preoccupati – prosegue nel suo racconto – vedendo l’equipaggio in allarme che ci ha fatto salire sul ponte ristorante. Il fumo continuava a uscire dai lati della nave e ad un certo punto anche le pareti e il pavimento della zona dove sono sistemati i camion hanno cominciato ad essere caldi. La nave si è fermata ed è giunta una motovedetta della Guardia costiera che è rimasta a distanza. Eravamo molto preoccupati perché a bordo c’erano anche delle autocisterne. Poco dopo sono giunti altri mezzi che hanno rimorchiato la nave sottocosta e abbiamo potuto trasbordare una delle motovedette che ci ha portato a Reggio Calabria». «Sono stati attimi di paura – conclude Catellino – che ci hanno riportato alla mente ben altre tragedie che hanno interessato altre navi». (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi