Presidenza delle Commissioni regionali, “adottate procedure nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti”

ANSA) – REGGIO CALABRIA, 08 LUG – «Le procedure per
l’elezione degli Uffici di Presidenza delle Commissioni
permanenti e speciali sono state adottate (nel corso della
seduta consiliare del 12 giugno) nel pieno rispetto delle
disposizioni vigenti». E’ la conclusione cui è pervenuta la
Giunta del Regolamento riunitasi (per la prima volta in questa
legislatura) a Palazzo Campanella e coordinata dal presidente
del Consiglio regionale». Lo riferisce un comunicato
dell’ufficio stampa del Consiglio regionale.
«Dopo quattro ore di confronto, la Giunta per il
Regolamento – è detto nel comunicato – col voto contrario dei
consiglieri d’opposizione, ha approvato (hanno votato a favore i
consiglieri De Caprio, Pitaro Vito, Crinò, Sainato, Minasi,
Paris, mentre alla discussione generale hanno partecipato anche
i consiglieri Neri e Pietropaolo), il seguente punto illustrato
dal presidente Domenico Tallini: ‘Alla luce del quesito posto e
degli orientamenti prevalentemente emersi nel corso della
discussione non si può non concludere che le designazioni
disciplinate dall’articolo 27 comma 1 del Regolamento interno
non sono da considerarsi necessariamente propedeutiche e
vincolanti ai fini dell’elezione degli Uffici di Presidenza
delle Commissioni e che le procedure seguite per le relative
elezioni tenutesi nel corso della seduta consiliare del 12
giugno sono avvenute nel pieno rispetto delle disposizioni delle
Regolamento, della consuetudine e della prassi consolidata
nell’Assemblea legislativa calabresè».
«Dopo le osservazioni – riporta il comunicato – dei
consiglieri d’opposizione (Bevacqua, Notarangelo, Pitaro e
Anastasi) che hanno ribadito ‘lo strappo politico verificatosi
quando la maggioranza ha eletto in Consiglio sia i presidenti
che i vicepresidenti spettanti all’opposizionè, in vista del
superamento dell’impasse per consentire alle Commissioni di
entrare il più rapidamente possibile in funzione, si è
all’unanimità convenuto che prossimamente occorrerà elaborare
una riforma organica del Regolamento del Consiglio, onde evitare
in futuro disguidi, incomprensioni e fraintendimenti». «Circa la
designazione da parte dei Gruppi nelle Commissioni – ha
sostenuto il presidente Tallini – ho preso atto con piacere che
sarà fatta a giorni senza che io debba azionare i poteri
sostitutivi al fine di garantire il buon funzionamento
dell’Assemblea, l’esercizio dei diritti dei consiglieri e la
principale ‘mission’ consiliare, ossia la funzione
legislativa». Il presidente Tallini, infine, si è augurato che
“superate queste frizioni politiche, maggioranza ed opposizione
possano contribuire, ciascuna per la propria parte e per la
propria responsabilità, a fronteggiare e risolvere i tanti
problemi che in questa grave congiuntura economica e sociale
stanno angustiano i calabresi». (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi