Marina Gioiosa Jonica (RC): Uccide un cane e lo getta in un burrone, arrestato 55enne

I carabinieri della stazione di Marina di Gioiosa Jonica hanno arrestato, in ottemperanza ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Locri, un uomo di 55 anni. Si tratta di Antonio Totino, disoccupato accusato dei reati uccisione di animale, detenzione e porto di arma da fuoco. Le indagini svolte dai militari sono state avviate a seguito della denuncia sporta da un’imprenditrice di Marina di Gioiosa Jonica che il 13 marzo scorso si è recata presso la caserma del paese per denunciare la morte del suo cagnolino. La carcassa di Lillo, meticcio spinone di media taglia era stata rinvenuta in un burrone nella campagne di Marina di Gioiosa Jonica con evidenti segni di violenza. L’animale aveva una corda legata alla zampa, presentava segni di trascinamento ed evidenti ferite di arma da fuoco.
Acquisita la notizia di reato i carabinieri hanno avviato le indagini partendo proprio dal luogo in cui era stato trovato il cane privo di vita, un burrone sito in strada Pantalogna nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica. Le investigazioni hanno consentito di giungere all’identificazione dell’autore dell’uccisione di Lillo, un 55enne già noto alle forze dell’ordine per reati in materia di armi, e dimorante nelle vicinanze del luogo del reato. Secondo quanto accertato, Antonio Totino ha prima sparato un colpo di fucile caricato a pallini nei confronti dell’animale e dopo qualche ora, forse infastidito dal lamento del cane è ritornato sulla scena del crimine, ha legato una corda alla zampa dell’animale e l’ha gettato ancora agonizzante nel burrone.
Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della stazione di Marina di Gioiosa Jonica assieme ai Cacciatori di Calabria si sono recati presso l’abitazione dell’uomo per trarlo in arresto e nella circostanza in un’area poco distante dalla sua abitazione hanno rinvenuto ben occultato tra la vegetazione un fucile artigianale sottoposto a sequestro. Sarà il RIS di Messina a stabilire se è la stessa arma utilizzata per commettere l’efferato gesto.
(Mit/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi