Inchiesta “Rimpiazzo”, la Dda di Catanzaro ha chiesto il processo per 57 persone

La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio per 57 persone nell’ambito dell’inchiesta “Rimpiazzo” contro il clan dei “piscopisani”, che esercita il suo potere criminale a Piscopio, piccolo centro in provincia di Vibo Valentia.
Il Gup ha fissato l’udienza preliminare per il prossimo 23 marzo. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, spaccio di droga ed estorsione. Meno di un anno fa erano state 31 le persone arrestate perché considerate esponenti del clan che stava tentando di spodestare la potente cosca dei Mancuso. Il processo è stato chiesto anche per due finanzieri in servizio a Vibo Valentia: Giovanni Tinelli, accusato di favoreggiamento personale per non aver denunciato un esponente dei piscopisani poi divenuto collaboratore di giustizia, e Mariano Natoli, accusato di rivelazione di segreto d’ufficio.
Lro/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi