Imprenditore calabrese fermato per riciclaggio con l’aggravante mafiosa (NOME)

Nelle prime ore di questa mattina, i Carabinieri del Raggruppamento Operativo Speciale, coadiuvati da quelli dei Comandi provinciali di Ancona, Perugia e Reggio Calabria, hanno dato esecuzione a un fermo di indiziato di delitto, disposto dalla Procura Distrettuale Antimafia di Ancona, nei confronti di tre professionisti marchigiani (due imprenditori e un broker finanziario) e di un imprenditore calabrese (Domenico Laurendi, di 69 anni, residente a Fabriano dal 2005) ritenuto elemento di spicco della cosca ‘ndranghestista degli Alvaro di Sinopoli (Reggio Calabria), per riciclaggio e autoriciclaggio commessi con l’aggravante mafiosa. Contestualmente alla misura precautelare, è stato eseguito un decreto di sequestro preventivo di alcuni beni immobili in territorio marchigiano per un valore complessivo di 1,5 milioni di euro. Eseguite anche numerose perquisizioni nei confronti di altri tre indagati, nonché di soggetti e società dislocati in altre regioni del territorio nazionale e all’estero, emersi nel corso delle attività d’indagine. L’intervento odierno scaturisce dagli esiti dell’indagine «Open Fiber», avviata dal Ros dei Carabinieri nel gennaio 2018 a seguito di alcune segnalazioni per operazioni sospette, pervenute dall’Uif della Banca d’Italia.

Operazioni per le quali sono stati accertati stabili rapporti economici tra l’imprenditore calabrese e i professionisti marchigiani destinatari del provvedimento di fermo di indiziato di delitto. Le indagini hanno documentato un complesso meccanismo di triangolazioni finanziarie tra Italia, Inghilterra e Svizzera, che ha coinvolto altri professionisti indagati ma non destinatari del provvedimento di fermo -, mediante il quale cospicue somme di denaro riconducibili all’organizzazione criminale sono state riciclate, tramite l’imprenditore calabrese, attraverso l’acquisto dei beni immobili sottoposti a sequestro preventivo. Nel contesto delle indagini, vi è stato un costante e puntuale coordinamento della Procura Nazionale Antimafia, dato che lo stesso imprenditore calabrese risultava coinvolto in un’inchiesta sulla medesima cosca degli Alvaro, condotta dalla Procura Distrettuale di Reggio Calabria.(ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi