Il Capo dello Stato Mattarella ricorda il giudice Ferlaino ucciso 45 anni fa

(ANSA) – ROMA, 03 LUG – «Il 3 luglio del 1975, mentre stava
rientrando a casa dal lavoro, il giudice Francesco Ferlaino
veniva ucciso a colpi di fucile da sicari mai identificati,
esponenti della malavita organizzata.
Giudice autorevole e apprezzato studioso, Francesco Ferlaino,
sempre impegnato negli uffici giudiziari in Calabria, ha
interpretato in modo esemplare la funzione giudiziaria, al
servizio della giustizia e del Paese. È necessario non
disperdere la memoria di quanto accaduto e l’insegnamento
professionale e umano legato a questo magistrato». Così il
Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una
dichiarazione.
«Rievocare il suo assassinio – afferma il Capo dello Stato –
richiama il senso etico di quanti hanno saputo opporsi ai nemici
della convivenza civile nel Paese, per costruire il futuro della
nostra comunità secondo principi di legalità e solidarietà
umana. A distanza di quarantacinque anni, desidero rinnovare i
sentimenti di partecipazione e vicinanza del Paese ai suoi
familiari e a quanti lo hanno stimato e che in questi lunghi
anni ne hanno ricordato la passione e l’encomiabile impegno
nello svolgimento dell’attività professionale». (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi