Gioiosa Jonica: Vittima uccisa per errore, denunciato il cugino

Ucciso per errore. Sarebbe questa la ricostruzione dei fatti fornita agli investigatori dal cugino dell’uomo ritrovato privo di vita lo scorso martedì in una zona montuosa di Roccella Jonica, in provincia di Reggio Calabria. Le serrate indagini condotte dai carabinieri della Compagnia di Roccella Jonica hanno consentito di far piena luce sulla morte di Pasquale Schirripa, 61enne incensurato, operaio specializzato Enel, il cui cadavere è stato rinvenuto nella mattinata del 17 marzo nell’isolata contrada Furro di Gioiosa Jonica. Ad uccidere Pasquale sarebbe stato, per sbaglio, S.R., 64enne pensionato senza precedenti di natura penale residente a Marina di Gioiosa Jonica, che ieri pomeriggio, dopo aver nascosto a tutti l’ingombrante verità, ha deciso di presentarsi in caserma assieme al suo difensore.
S.R. ha così raccontato, al Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Locri e ai carabinieri, quanto realmente accaduto. Il giorno in cui Schirripa è morto, il cugino alle prime luci dell’alba sembrerebbe lo abbia raggiunto, nel terreno in cui era solito accudire gli animali, per aiutarlo ad abbattere un cinghiale che nel corso della notte si era introdotto nella porcilaia di proprietà della vittima. (segue)
(Mit/Adnkronos

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi