Gino Strada, “da Spirlì polemica assurda”

(ANSA) – ROMA, 13 DIC – «Ho accettato di andare in Calabria
perchè mi è stato chiesto dal Governo e dalla Protezione
civile, abbiamo messo in piedi un secondo reparto Covid
nell’ospedale di Crotone; ho parlato con il commissario Longo,
persona piena di voglia di fare, e siamo in attesa di capire se
possiamo fare qualcosa in più, ne riparleremo nelle prossime
settimane». Lo ha detto Gino Strada, fondatore di Emergency a
“Mezz’ora in più» su Rai 3.
«Interveniamo in Italia da 13 anni con poliambulatori fissi e
mobili, anche nella prima fase dell’emergenza Covid. E’ un
lavoro mirato a quelli che non hanno accesso alla sanità che non
sono solo migranti ma anche italiani», ha aggiunto. «Quando il
presidente facente funzioni della Calabria ha detto che a
Polistena non abbiamo dato una mano, ha detto una cosa assurda:
lui abita a 3 km da lì ma non è mai andato a vedere il
poliambulatorio; poi un medico non può entrare in una struttura
e dire posso dare una mano, la legge non lo consente. Comunque
sottotraccia abbiamo trattato centinaia di migliaia di persone
in questi anni in Italia», ha concluso Strada. (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi