Esponente delle cosche percepiva reddito di cittadinanza, denunciato

Catanzaro, 4 ago. (Adnkronos) – Era stato arrestato nell’ambito dell’operazione Rinascita-Scott condotta dalla Dda di Catanzaro, ma percepiva ugualmente il reddito di cittadinanza. A scoprirlo è stata la Guardia di Finanza, che ha accertato come Angelo Accorinti, considerato esponente apicale della ‘ndrangheta vibonese e nipote di Giuseppe Accorinti, ritenuto al vertice dell’omonima ‘ndrina operante nel territorio di Zungri (Vv) e zone limitrofe, percepiva il reddito di cittadinanza in quanto aveva omesso di comunicare di essere stato coinvolto proprio nell’operazione Rinascita-Scott. Omissione che gli ha permesso di beneficiare indebitamente, dal mese di gennaio, di circa 3mila euro di Reddito di cittadinanza.
Da qui la denuncia dei finanzieri alla procura di Vibo guidata da Camillo Falvo, che ha chiesto al Gip l’emissione di un decreto di sequestro preventivo, subito eseguito, dei 3mila euro, considerati, dunque, profitto illecito.
(Lro/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi