De Gregori al Parco Scolacium di Borgia. Torna la musica dal vivo con il green pass.

Un monstrum in senso latino ovviamente.
Un essere eccezionale- fuori dall’ordinario.
Quando si pensa a De Gregori ci si rende conto di quanta strada abbia percorso, quante migliaia di ore a suonare, viaggiare e registrare con i mostri della musica italiana, quanta fatica e quanta abnegazione nel nome della musica.
Eppure non un briciolo di stanchezza o di affaticamento.
Comincia da solo con chitarra, voce ed armonica (tre brani intimistici- bellissimo in particolare “L’uccisione di babbo natale”) e raccontando gli esordi della sua carriera con la consueta ironia ed intelligenza.
Poi arriva la band: Guido Guglielminetti (basso e contrabasso), Carlo Gaudiello (tastiere), Paolo Giovenchi (chitarre), Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino) e Simone Talone (percussioni) musicisti sopraffini.
Che dire, De Gregori non é solo musica, é poesia pura in atmosfera onirica.
Ciò che colpisce é anche la naturalezza del cantare, quel suo modo, quasi sudamericano, di anticipare o posticipare la strofa.
Nella cornice affascinante del Parco Scolacium di Borgia, ci ha offerto i suoi gioielli più preziosi, le sue perle (Titanic, Alice, Generale, buonanotte fiorellino, La leva calcistica, Rimmel, Caterina, Sempre e per sempre) ma anche le meno note Pezzi di vetro, La testa nel secchio, Atlantide, Sangue su sangue, Il vestito del violinista.
Il concerto, durato due ore, é terminato tra gli applausi del pubblico con il brano Viva l’Italia. Degno finale di un’esibizione di altissimi livelli.
Musicalità rock, blues, jazz, country e musicalità italiana.
I testi non sono quelli chiaramente intelligibili di certa musica italiana e magari i più giovani non riescono o non vogliono capirli.
Ma questa é la musica con la M maiuscola e ci si può solo inchinare.
Una nota a margine; ieri é iniziato il controllo di legge dei green pass al fine di tutelare la nostra salute e ciò ha creato un piccolissimo ritardo nelle operazioni di accesso.
Sempre a causa covid non abbiamo potuto intervistarlo, peccato.
Ma va tutto bene…bentornata musica dal vivo.

Bernardo Marasco, Rosa Lacava

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi