Crotone: Traffico di droga, 12 arresti

(ANSA) – CROTONE, 23 FEB – I carabinieri della Compagnia di
Crotone, con il supporto di personale dello Squadrone Eliportato
Cacciatori «Calabria» e del 14mo Battaglione «Calabria», stanno
eseguendo un’ordinanza del Gip di Catanzaro che ha disposto la
custodia cautelare nei confronti di 12 persone – 9 in carcere e
3 ai domiciliari – e l’obbligo di dimora nei confronti di una
persona. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di
associazione armata finalizzata al traffico illecito di sostanze
stupefacenti (in particolare eroina, cocaina e marijuana),
ricettazione, detenzione di armi da guerra e, due di loro, di
partecipazione ad associazione di tipo ‘ndranghetista operante a
Crotone, la cosca Vrenna-Corigliano-Bonaventura – Ciampà e
Gestivano una piazza di spaccio
che aveva anche orari quotidiani di apertura e chiusura – alle 7
e alle 20 – i componenti l’organizzazione sgominata stamani a
Crotone dall’operazione dei carabinieri denominata «Orso» con
l’arresto di 12 persone – 9 in carcere e 3 ai domiciliari – e un
obbligo di dimora con le accuse, a vario titolo, di associazione
armata finalizzata al traffico illecito di sostanze
stupefacenti, ricettazione, detenzione di armi da guerra e, due
di loro, di partecipazione ad associazione mafiosa.
Le indagini sono andate avanti dal dicembre 2016 al dicembre
2018 e sono state condotte dalla Sezione operativa del Nucleo
operativo e radiomobile della Compagnia di Crotone sotto la
direzione ed il coordinamento del procuratore di Catanzaro
Nicola Gratteri e dei pm della Dda Domenico Guarascio e Veronica
Calcagno. L’attività è iniziata dopo una perquisizione eseguita
nel quartiere «Fondo Gesù» di Crotone nei confronti di Andrea La
Forgia. In quella circostanza i militari sequestrarono tre
pistole illegalmente detenute complete di munizioni, droga,
nonché un foglio manoscritto con la cosiddetta «copiata», cioè
un vero e proprio organigramma della consorteria di ‘Ndrangheta
egemone a Crotone, completo di nomi, cognomi e gradi rivestiti.
Le indagini, condotte con intercettazioni in carcere e con la
videosorveglianza nel quartiere Fondo Gesù, hanno permesso agli
investigatori di accertare l’esistenza dell’associazione per la
vendita di eroina, cocaina e marijuana, al cui vertice, per
l’accusa, c’erano i fratelli Andrea, Gianluca e Massimiliano La
Forgia. La videosorveglianza ha anche immortalato l’acquisto di
una mitraglietta «VZ61 Skorpion» calibro 7,65 Browning, un’arma
da guerra clandestina, già sequestrata. Inoltre, dalle
intercettazioni in carcere, corroborate dalle dichiarazioni del
collaboratore di giustizia Francesco Oliverio, sarebbe emerso lo
stabile inserimento di Gianluca e Massimiliano La Forgia nella
cosca Vrenna-Corigliano-Bonaventura – Ciampà e Megna.
I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri della
Compagnia di Crotone, con il supporto di personale dello
Squadrone Eliportato Cacciatori «Calabria» e del 14mo
Battaglione «Calabria». (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi