Cosenza: Indagini chiuse su omicidio Presta, due indagati

La procura di Cosenza ha chiuso le indagini sulla morte di Angelo Presta, il 54enne ucciso a colpi d’arma da fuoco l’8 aprile scorso a Paterno Calabro. Accusato dell’omicidio è il nipote della vittima, Salvatore Presta, mentre un secondo avviso è stato recapitato a Gennaro Borrelli, a cui si addebita la falsa testimonianza. Angelo Presta è stato ammazzato dal nipote 35enne con la pistola utilizzata per esercitarsi al poligono. L’assassino si è poi consegnato spontaneamente ai carabinieri. L’accusa per lui è di omicidio aggravato dai futili motivi nonché dalla premeditazione. Quanto a Borrelli, la falsa testimonianza deriverebbe dall’aver negato di aver visto Salvatore Presta dopo l’assassinio. A scriverlo è il Corriere della Calabria.
(Lro/Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi