Comunali Reggio Calabria: Minicuci, “politiche sociali al centro”

(ANSA) – REGGIO CALABRIA, 28 AGO – «Un progetto politico per
definirsi di qualità deve necessariamente mettere al centro il
cittadino e i suoi bisogni, in particolare quando si tratta di
cittadini appartenenti alle fasce più sensibili e deboli, nella
convinzione che i servizi sociali siano un settore d’intervento
fondamentale e primario. Anche in questo delicato e fondamentale
settore, come in tutti gli altri, l’attuale amministrazione sta
provando a recuperare il tempo perduto dopo aver dormito sonni
profondi per sei anni. Le fasce deboli sono state abbandonate al
loro destino, ed è un risultato ancora più triste considerato
che in realtà dovrebbero essere quelle più attenzionate». Lo
sostiene, in una nota, Antonino Minicuci, candidato a Sindaco di
Reggio Calabria per la coalizione di centrodestra.
«Il centrodestra si propone, in modo convinto – aggiunge – di
dare la dovuta importanza e attenzione alle fasce più disagiate
della cittadinanza. Il nostro programma prevede una serie di
iniziative che possano riportare al centro i disabili, gli
anziani e le famiglie in difficoltà. Inclusione non deve essere
soltanto una parola da utilizzare in campagna elettorale ma uno
dei fari che guida il percorso di un’amministrazione, ed è
quello che ci proponiamo di fare una volta insediati al governo
di Reggio Calabria. E’ nostra intenzione creare una rete di
servizi alla persona, che, in raccordo con i servizi sociali del
Comune, si disloca e si dispiega su tutto il territorio, al
fine di promuovere azioni efficienti, efficaci e innovativi a
favore di famiglie svantaggiate, disabili e di anziani, con
particolare attenzione ai servizi di mobilità, all’integrazione,
alla prevenzione, alla presa in carico e analisi dei bisogni.
Saranno attivi quindi, presso i diversi Municipi della città
(facendo rinascere le vecchie circoscrizioni) sportelli
informativi ed operativi rivolti a soggetti svantaggiati, ad
anziani, disabili e ai loro familiari, allo scopo di rispondere
ai bisogni dei soggetti sopra citati anche attraverso la
realizzazione di azioni di aiuto specifiche, attraverso un
sostegno a più livelli: informativo, per la permanenza a
domicilio (es.consegna pasti, compagnia, aiuto nelle mansioni
quotidiane, ecc.) e per altre attività quali uscite dal
domicilio per visite mediche, integrazione, socializzazione o
lavoro».
«Reggio Calabria, invece che fanalino di coda – conclude
Minicuci – deve palesarsi per le altre amministrazioni come
esempio da imitare sul tema delle politiche sociali. E’ una
delle promesse che faccio ai cittadini e in particolari ai
disabili e alle fasce disagiate. E’ una delle tante cose che
realizzeremo per cambiare il volto della nostra città». (ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi