Catanzaro, Celia: “Mi vergogno a far parte del consiglio più indagato d’Italia”

“Io mi vergogno di far parte del Consiglio comunale più indagato d’Italia. Mi vergogno da padre e da imprenditore. C’è una responsabilità politica del sindaco Sergio Abramo che è sparito e del presidente del Consiglio che non si è dimesso”. Lo ha affermato, ospite di “Non è l’Arena” su La7, Fabio Celia, uno dei cinque consiglieri comunali dimessisi con l’esplosione del caso “Gettonopoli”. Celia ha chiesto ai consiglieri di maggioranza di dimettersi perché, ha detto, “gestire i milioni di Agenda urbana e il nuovo Piano regolatore non è possibile con il Consiglio più indagato d’Italia. Senza la trasmissione, finiva a tarallucci e vino”.
(Lro/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi