Carabinieri trovano 10 carcasse d’auto in pieno Parco nazionale del Pollino

Carrozzerie affondate nella terra fino quasi al tettuccio, o sepolte di fianco per metà della propria larghezza, con piante e fiori cresciuti nel bagagliaio o nel vano motore e tronchi d’albero che crescendo ne avevano piegato le lamiere, in pieno Parco nazionale del Pollino: questa la scena davanti alla quale si sono trovati i carabinieri della Stazione Parco di Noepoli, in provincia di Potenza, nell’area protetta a cavallo fra Basilicata e Calabria.
Gli uomini dell’Arma hanno ritrovato lungo l’alveo del torrente Fosso Acquabona dieci carcasse di autovetture, alcune delle quali nascoste tra la vegetazione e ricoperte da decine di centimetri di terra, a testimonianza che i rifiuti, classificati “speciali pericolosi”, erano in quel luogo da diverso tempo. L’area di oltre 600 metri quadri, ricadente in “Zona 2” del Parco del Pollino e Zps, Zona Protezione Speciale, è stata posta sotto sequestro e affidata in custodia giudiziaria all’amministrazione comunale di Noepoli. I militari indagano per risalire ai proprietari delle autovetture.
(Rpz/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi