Callipo: “Nuova commissione costa 500 mila euro all’anno, diamoli a famiglie bisognose”

“Prendo atto della conferma arrivata dal presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini: il centrodestra vuole istituire una nuova Commissione consiliare che si andrebbe quindi ad aggiungere alle sette, tra permanenti e speciali, che già esistono. Se questa volontà sia dovuta alla necessità di creare nuove poltrone per trovare l’accordo politico in una maggioranza che già si è dimostrata in difficoltà fin dalle prime battute, o se sia davvero necessario un ulteriore organismo consiliare “per dare rilevanza ai rapporti con l’Unione Europea”, non sarò io a dirlo, i calabresi hanno la capacità di farsi autonomamente la loro opinione sulla vicenda. C’è da rilevare, però, che quello della maggioranza non è certo un approccio di rinnovamento né di contenimento delle già esorbitanti spese del Consiglio regionale”. Lo dichiara il Consigliere regionale Pippo Callipo, capogruppo di “Io resto in Calabria”.
Se “infatti – aggiunge – da un lato si sta lavorando a una proposta come quella annunciata dal presidente Tallini, che punta a utilizzare i risparmi ottenuti con il bilancio del Consiglio per dare subito un aiuto alle tante famiglie in difficoltà, dall’altro non ci sembra quello di istituire una nuova Commissione un messaggio coerente con tali lodevoli propositi. Se verrà istituito, il nuovo organismo voluto dal centrodestra costerebbe in 5 anni di legislatura circa 500mila euro. Nel dettaglio, infatti, il presidente della Commissione percepirebbe 1500 euro lordi in più al mese di indennità di funzione (90mila euro in 5 anni) e, inoltre, avrebbe la possibilità di assumere due unità di personale aggiuntivo nella sua struttura speciale (che possono diventare quattro essendo “sdoppiabili” al 50%, per una retribuzione lorda di 69.479,64 euro all’anno)”.

A “ciò – prosegue Callipo – si aggiunge la possibilità di nominare altri due dipendenti del Consiglio regionale in qualità di componenti interni della struttura del presidente di Commissione ai quali è riconosciuta un’indennità mensile in aggiunta alla retribuzione base. Si tratta di soldi che potrebbero andare ad alimentare il fondo di sostegno alle famiglie bisognose. Mentre non sarà sfuggito che degli “Affari dell’Unione europea” si occupa già la seconda Commissione e, in ultima analisi, potrebbe anche occuparsene la quinta Commissione (Riforme) che è risultata la meno “produttiva” nell’ultima legislatura essendosi riunita solo 22 volte nei cinque anni appena trascorsi. Basterebbe, dunque, una rimodulazione delle competenze assegnate alle Commissioni già esistenti”.
E’ “altresì evidente – conclude Callipo – che la maggioranza ha i numeri per mettere in atto l’onerosa decisione di istituire una nuova Commissione non tenendo in alcuna considerazione la contrarietà dell’opposizione, ma non sarebbe certo un bel segnale per i calabresi che dalla politica si attendono, specie in un momento difficile come quello attuale, non certo tali dimostrazioni di “creatività” istituzionale bensì gesti di sobrietà e di solidarietà, nonché atti concreti e lungimiranti per far ripartire l’economia calabrese. Situazioni del genere non mi vedranno mai spettatore silente”.
(Lro/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi