Callipo: “In molti Comuni calabresi si rischia di non trovare una farmacia aperta”

“Ho letto la nuova ordinanza emanata ieri sera poco prima delle 20 dalla presidente della Regione Jole Santelli. Non discuto, ovviamente, della necessità di adottare ogni misura utile per la prevenzione e il contenimento dell’emergenza sanitaria in corso, anche se invito a prendere in considerazione le parole del ministro delle Autonomie Francesco Boccia che ha chiesto di non fare singole ordinanze se non sono ‘omogeneizzate con le indicazioni dello Statò perché ora ‘quello che conta è quanti posti di terapia intensiva vengono aperti ogni giornò.Al di là di questo, però, c’è un aspetto ancora più importante: leggo che nella nuova ordinanza della presidente della Regione si dispone che “tutti gli esercizi commerciali dovranno osservare la chiusura domenicale, fatta eccezione per le farmacie di turno e le edicole”. E a mio avviso errato il passaggio sulle farmacie “di turno” perché tutti sappiamo che i turni, nei paesi in cui c’è una sola farmacia, sono organizzati con le farmacie che si trovano nei paesi limitrofi”. E’ quanto dichiara il consigliere regionale Pippo Callipo, capogruppo di “Io resto in Calabria”.
“Per com’è redatta l’ordinanza, insomma, è evidente che i cittadini di molti paesi, specie alla luce delle ordinanze comunali che si stanno adottando in queste ore in molti Comuni della Calabria, rischiano di trovarsi senza una farmacia aperta. Invito dunque la presidente della Regione a correggere questo errore perché le farmacie non sono semplici attività commerciali ma sono presidi sanitari fondamentali per la salute dei cittadini”, conclude Callipo.
(Lro/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi