Blitz contro il caro mascherine sul web, 20 denunce per frode in commercio

Dovranno rispondere di frode in commercio le venti persone, definiti dagli investigatori ‘furbettì del web, denunciate questa mattina dalla Guardia di Finanza di Torino nel corso di una vasta operazione che ha coinvolto tutta Italia con perquisizioni ancora in corso in Liguria, Lombardia, Marche, Campania e Calabria. Nel corso dell’operazione sono state sequestrate migliaia di mascherine, purificatori per ambiente, visiere, copri wc e altri articoli destinati alla protezione delle vie respiratorie.
Approfittando della situazione critica venutasi a creare in questi giorni con i primi casi di contagio da Coronavirus, alcuni commercianti hanno trovato il sistema per vendere a prezzi di gran lunga maggiorati , fino a 5000 euro per mascherina, centinaia di dispositivi di protezione individuale.

In particolare i finanzieri torinesi hanno scoperto su una piattaforma di vendite online cinque mascherine vendute a oltre 5000 euro insieme a kit e altri prodotti tra cui un integratore che combatterebbe il virus rafforzando le difese immunitarie. Le perquisizioni hanno coinvolto diverse regioni italiane, compreso il Piemonte. Tra i denunciati ci sarebbero imprenditori, privati cittadini e anche un operatore sanitario. Il monitoraggio proseguirà anche nei prossimi giorni mentre i profili scoperti saranno oscurati.
(Rre-Abr/Adnkronos)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi