Bersani: “La sinistra ha sempre voluto la riduzione dei parlamentari”

(ANSA) – REGGIO CALABRIA, 15 SET – Il presidente di Articolo
1, Pierluigi Bersani, a Reggio Calabria per sostenere la
candidatura a sindaco di Giuseppe Falcomatà, parlando con i
giornalisti ha ribadito il suo sì al referendum costituzionale
del 20 e 21 settembre.
«Sul referendum – ha detto Bersani – io ho distinto sempre i
no sinceri, che pensano sia uno sfregio della Carta
costituzionale e sia un tirare la volata al populismo. Io,
invece, ragiono in un altro modo, oltre a ricordare che la
sinistra ha sempre voluto la riduzione dei parlamentari. Ma
scusate: qui c’è un Parlamento che per la prima volta nella
storia d’Italia ha deciso di ridursi per essere più efficiente.
E quindi noi gli diciamo di rimanere come prima? Dobbiamo
difendere il Parlamento contro il Parlamento? Mi sembra un pò
esagerato. Certo si sono sentite delle stupidaggini da chi
all’inizio era per il sì. Però se ho stonato una canzone, non
butto via la canzone: cerco di cantarla in maniera intonata.
Ecco: io farei lo stesso con il ‘sì al referendum».
E a chi confronta la riforma attuale con quella oggetto del
referendum di Renzi, Bersani risponde: «State confondendo il
burro con la ferrovia: due cose che non c’entrano. Io sostengo
che nell’incrocio tra quella riforma renziana e l’Italicum noi
arrivavamo ad Erdogan. Sono qui ad aspettare che qualcuno
smentisca questa cosa. Abbiamo corso un rischio in questo Paese,
non piccolo. Per fortuna che la gente ci ha messo più cervello».
(ANSA).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi